Archivio

Post Taggati ‘israele’

Tredici anni fa moriva Yasser Arafat.

Il tempo, come acqua che scorre, porta via tutti i suoi figli. E’ una grande detto ma innanzitutto è una Verità irrefutabile.

Circa 13 anni orsono moriva Yasser Arafat il cui vero nome era Muhammad Abd al-Raman ‘Abd al-Rauf al-Qudwa al-Husayni, che poi veniva trasformato nel mondo islamico con un appellativo di fantasia, Abu Ammar, per delle necessità effettive oppure soggettive come talvolta succede anche in Occidente.

Yasser Arafat ha avuto un peso non indifferente in tutto il Medio Oriente e a tratti anche sulla scena mondiale sebbene nell’ ultimo lustro era quasi stato ” dimenticato ” ma restava comunque un punto di riferimento per la società mussulmana.

Era oramai noto che il Presidente, dopo gl’ attentati dell’ 11 settembre, salvo rarissimi casi, non lasciava più la Palestina, ostaggio confinato dagl’ israeliani i quali sostanzialmente oltre l’ assedio armato gli negavano qualunque autorizzazione costringendolo a vivere asserragliato nella sede di Ramallah a discapito di quella che doveva essere una partita politica non ancora conclusa.

Un declino affannoso, con obsolete idee, definito da taluni addirittura clientelare oltre a una salute che stava diventando cagionevole. Erano in molti, compreso i suoi più stretti colleghi e collaboratori, che desideravano un avvicendamento prima della naturale dipartita avendolo messo in discussione più volte.

E anche nel giorni della morte ha lasciato il mistero di un possibile avvelenamento portandosi con se molteplici segreti mai del tutto chiariti per quella che era stata un ambigua e controversa figura ma pure abile nel sapere gestire e rilanciarsi in mezzo ad epocali cambiamenti.

Arafat nella sua vita ha conosciuto qualche vittoria, ha lottato molto attraversando periodi roventi caratterizzati da guerre civili, occupazioni, sistemi terrorismo e subendo anche diverse sconfitte sul campo assieme ad un temporaneo esilio che però gli consentirono di proclamare la nascita dello stato della Palestina.
Un astuta mossa con il sostegno di altri capi arabi ( Saddam Hussein ) che gli permetterà di diventare il simbolo e l’ uomo chiave dei palestinesi.

Sin da quando era giovane dimostrò la sua indole di rivoluzionario cavalcando la difficile guida dell’ Olp e di Al – Fatah organizzazioni politiche e paramilitari a cui devono il costante impegno e la ” speranza ” di migliaia di palestinesi evocando un motivo ad essi che si potessero battere con efficacia per la liberazione delle terre e la creazione di uno stato indipendente sconfiggendo così un giorno i nemici sionisti.

Il leader palestinese ha ricevuto la rilevante onorificenza del Nobel per la Pace per quel tentativo diplomatico che all’inizio degl’ accordi di Oslo sembrava potesse finalmente costruire un armistizio definitivo ma che risultò in brevissimo tempo un cocente fallimento per l’ incapacità di trovare una soluzione da ambo le parti ribadendo così il sottile e persistente odio tra i due governi con gl’ interessi di dominio e le soluzioni in gioco.

Movimenti d’ispirazione ideologica troppo lontani ed evidenziati anche nel vertice negoziale di Camp David e nei posteriori accordi di Sharm El Sheikh.

E poi con l’ avvento della cruenta seconda Intifada iniziata il 28 settembre del 2000 mentre il caos politico e territoriale prosegue tuttora in una alternata ma infinita scia di sangue.

Quasi niente è cambiato in West Bank e nella martoriata Striscia di Gaza dalla morte di Yasser Arafat. Tuttavia la fine ha dato un maggiore rafforzamento e accentramento di potere al gruppo radicale di Hamas che gode di ampia fiducia.

In tutti questi anni Israele ha proseguito senza sosta nell’ utilizzazione della forza armata: operazione Arcobaleno, operazione Piombo Fuso, colonie di popolamento illegali, campagna militare ” Inverno caldo “, barriere in zone cuscinetto e un ” Security fense ” di oltre settecento chilometri che innalza un triste sentimento di imprigionamento nei confronti dei palestinesi della Cisgiordania.

Un eredità pesante, un intricato mosaico oramai divenuto un ” labirinto senza via d’ uscita ” in cui anche la comunità internazionale ha delle colpe.

____________________

Ho vissuto ben cinque giorni e quattro notti nel Muqata di Arafat che non è poi che un grosso compound alle porte di Ramallah sulle colline della Giudea.

Un esperienza personale straordinaria avvenuta nella calda primavera del 2002 quando l’ IDF aveva già cominciato a circondarlo sfondando il alcuni casi la recinzione muraria del complesso e stavano studiando un attacco mirato per eliminarlo definitivamente.

I ricordi sono molti come nel silenzio delle notte squarciati dall’ inquietante rumore del movimento dei cingoli dei carri armati e da sordo sparo in lontananza.

Oppure quell’ ospitalità senza alcun pregiudizio nei miei confronti come quella di partecipare e mangiare assieme a tutto lo staff.

Il mio scopo non era intervistarlo e nemmeno conoscere gli sviluppi politici del Medio Oriente ma bensì semplicemente fotografarlo in quella che veniva definito il suo rifugio abitativo.

Le poche frasi scambiate con il leader furono quando il capo di gabinetto mi presentò e poi la richiesta di riprenderlo sulla terrazza del costruzione principale sopra il suo ufficio che però mi venne negata a causa della pericolosità di un possibile colpo di arma da fuoco che potevano scagliare i cecchini israeliani. Lui stesso mi fece capire che prima o poi avrebbero cercato di attaccarlo. Parole di santa predizione perché così avvenne dopo alcune settimane.

Tuttavia non mancarono le occasioni e le situazioni che si presentarono in quei giorni: le conferenze stampa, l’ incontro dopo la mezzanotte con Javier Solana che era venuto per tentare di ricucire i rapporti sulle tematiche della sicurezza e che aveva bisogno dell’ assenso di Arafat, il lungo colloquio con il diplomatico spagnolo Miguel Ángel Moratinos, il meeting con El Van Dick ed alcuni rappresentanti delle chiese ortodosse in Palestina e altro ancora.

___________________

Immagine Fiesoli e Arafat.
Fotografia di Al Mhreb – tutti i diritti riservati.

La balla dei proiettili di gomma degl’ israeliani…..

5 Novembre 2016 Commenti chiusi

La situazione in West Bank e nella Striscia di Gaza con lo scorrere degl’ anni non è per niente migliorata. Una lunga scia di sangue continua imperterrita senza che la Comunità Internazionale riesca a trovare delle soluzioni adeguate mentre tra arabi ed ebrei si convive, per così dire, senza esclusioni di colpi:  barriere, occupazioni, attentati, villaggi devastati….

E se il succedersi dei ” Grandi Uomini Politici ” non è servito a niente ci sono persone comuni che sul campo cercano di portare pace, solidarietà, aiuti umanitari e speranza.

Sono loro tra mille difficoltà e con rischi molto alti che fanno realmente qualcosa di positivo.

I proiettili di gomma sparati dall’ IDF ( Israeli defense forces ) nell’ infinita diatriba con i palestinesi sono da sempre una frottola.
E’ vero che vengono usati ma molto raramente e a loro totale discrezione.
Senza entrare nel merito e nel dettaglio delle regole d’ ingaggio e nemmeno sui diritti umani poiché sarebbe un discorso estremamente lungo e complesso, questa mia immagine ne è l’ ennesima dimostrazione.

FOTO: il corpo esanime di un giovane palestinese colpito dalle forze di sicurezza israeliane viene raccolto dai volontari della Mezzaluna Rossa Internazionale.
Dintorni dl Al Mughraqa – Striscia di Gaza 2000 – Gianluca Fiesoli.

_________________

 

 

 

Quattro anni dalla morte di Vittorio Arrigoni.

11 Aprile 2015 Commenti chiusi

Sono passati quattro anni dalla morte di Vittorio Arrigoni e la situazione in West Bank e nella Striscia di Gaza non è per niente migliorata. Una lunga scia di sangue continua imperterrita senza che la Comunità Internazionale riesca a trovare delle soluzioni adeguate in questa terra martoriata mentre tra arabi ed ebrei si convive, per così dire, senza esclusioni di colpi, barriere, occupazioni, attentati….

Un odio ininterrotto oramai domina la regione da lunghi anni e se il succedersi dei ” Grandi Uomini Politici ” non è servito a niente ci sono persone comuni che sul campo cercano di portare pace, solidarietà, aiuti umanitari e speranza. 

Come lo era Vittorio Arrigoni.

__________________

Ieri, 24 Aprile 2011, Bulciago, provincia di Lecco.

Tanta gente, occhi lucidi, scroscianti applausi, una lettera attaccata alla porta di entrata del palazzetto e scritta da un profugo arabo. Un ramoscello d’ ulivo appoggiato sulla bara accanto al kefiah e all’ amato capello nero mentre un coro di innocenti fanciulli canta Blowind in the wind e poi Bella Ciao.

Il mondo di Vittorio Arrigoni, dei giovani, dei numerosi amici ma anche una delegazione venuta dalla lontana Palestina e il vescovo di Gerusalemme.

E’ il testamento di Vik come volesse dire che le differenze tra i popoli, le contrapposizioni delle religioni si superano soltanto con l’ amicizia, la fraternità e l’ aiuto ai più deboli.

Il piccolo paese di Bulciago ha dato l’ estremo saluto al pacifista ucciso dai malvagi salafiti e che ha commosso l’ Italia, ma le bandiere tricolori sono state poche nel giorno del dolore.

Pace soltanto Pace e giustizia, sono le parole con una punta di polemica degl’ amministratori locali verso il Governo, per un ragazzo di soli 36 anni che ha pagato con un prezzo altissimo quelli che definiva i suoi sogni e gl’ ideali, talmente possenti da scegliere  la tormentata enclave di Gaza Strip come residenza stabile.

Ed è proprio quella terra che lo ha tradito. “ Restiamo umani “ era la firma con cui chiudeva ogni post del  blog ” Guerrilla Radio “, i reportage per il Manifesto, sicuramente scomodi a qualcuno poiché veritieri.

Adesso è difficile rimanere solidali dopo quello che abbiamo visto e soprattutto dopo anni di rancori, d’ Intifada, di razzi Qassam sulle città costiere, di occupazioni, barriere di cemento, carri armati e filo spinato, in un massacro che sembra non avere mai fine.

L’ International Solidarity Movement sezione Italia durante la cerimonia ha adagiato sul prato circostante tre grandi striscioni, i quali elencavano i 1414 morti ammazzati nella Striscia di Gaza.

Nella sintetica omelia della messa il sacerdote Don Roberto Crotta ha voluto ricordare Vittorio Arrigoni come un Uomo autentico, coraggioso per le scelte di vita e paladino della libertà, e che la sua utopia come qualcuno l’ ha definita in questi giorni sulla stampa, è invece una speranza che tutti noi desideriamo che non rimanga vana.

_______________________

Il feretro di Vittorio Arrigoni sul tappeto della cerimonia -Immagine di Gianluca Fiesoli.

Precisazioni sui fatti di Gaza.

SUI FATTI DI GAZA.

Nella notte del 31 maggio un cargo umanitario è stato assaltato in acque internazionali dai reparti dell’esercito israeliano. Si parla di almeno 10 morti e decine di feriti tra i passeggeri della nave. Secondo gli organizzatori del cargo umanitario, si è trattato di un deliberato atto di guerra contro civili inermi. Quello che è certo è che, ancora una volta, si è scelto di usare lo strumento della violenza, anziché le armi della politica e del dialogo, e a farne le spese sono i civili. Emergency condanna con fermezza questo crimine perpetrato contro gli operatori umanitari a bordo delle navi della Freedom Flotilla.

f.to emergency – Per maggiori informazioni visita il sito http://www.emergency.it

________________

Concordo pienamente con la presa di parte e di condanna dell’ Associazione  Emergency. Sono stato tante volte, in Palestina, in West Bank e in Gaza Strip e conosco benissimo la mentalità guerrafondaia ebrea, che non di rado si nasconde sotto l’ aspetto della sicurezza, ma a sua volta riconosco anche alcune “ colpe “ dei palestinesi in un conflitto oramai definito senza fine.

Pertanto la mia volontà “ politica “ sta nel mezzo e si affida solo alla speranza e al desiderio di una via di Pace.

L’ assalto israeliano alla “ Freedom Flottilla  “  degl’ aiuti umanitari è da condannare senza appello, sia per le violenza del tutto gratuita e dittatoriale e che ha fatto morire diversi civili, sia che per l’ incrinatura che porterà ancora una volta sul processo di Pace, il quale nonostante passino gl’ anni non ha mai raggiunto risultati estremamente concreti e soprattutto duraturi.

Di questi ripetuti stop va aggiunto l’ annosa incapacità della comunità internazionale e del menefreghismo di alcuni paesi come gli Stati Uniti che di questa parte mediorientale non interessa granché.

Resta il fatto, avendolo anche vissuto anche con le mie esperienze, che l’ Idf o i soldati israeliani vanno molto per il sottile non solo con i palestinesi ma anche con gli stranieri.

In qualsiasi circostanza ogni bersaglio da colpire è figlio dell’ odio.

Senza ritegno.

Basta ricordare l’ uccisione di Ciriello, fotoreporter del Corriere della Sera, che fu assassinato per ironia della sorte da un tank israeliano. Il pilota del carro era pienamente consapevole di sparare ad un addetto dei Media che era là solamente per raccontare.

Gianluca Fiesoli.

Dalal Abul Eische: 13 anni nell’ inferno di Gaza e un futuro difficile.

Riceviamo questa iniziativa a favore di una delle tante bambine di Gaza che hanno perso la famiuglia e il loro futuro è difficile. Si prega di poter far girare il più possibile ad amici e conoscenti.

Prosegui la lettura…

Anoressia e moda, ancora una morte e stavolta in diretta.

Per quanto apprezzi la fotografia e il mondo della moda spesso in simbiosi per scopi puramente commerciali e oggi anche poco artistici, devo riconoscere che quest’ ultimo ambiente è sempre più sporco, viscido e ambiguo a cui " costringe " le modelle a diventare estremamente magre.

Prosegui la lettura…

I pescatori nel Mediterraneo malato.

L’ Istituto italiano di Cultura ad Haifa sta organizzandoi una mostra che si terrà in autunno sulla pesca nel Mediterraneo. Qui sotto una nota del curatore  e le informazioni per parteciparvi.

Prosegui la lettura…