Archivio

Post Taggati ‘convegno’

Quella fotografia in alta risoluzione alla Cultura e i suoi esponenti…

31 Marzo 2017 Commenti chiusi

Ogni momento va celebrato, ogni cosa deve essere ricordata.

Il senso della fotografia, oltre l’ esegi, l’ attimo fuggente,  la provocazione in alcuni casi e la divulgazione ossessiva sul web, nelle strade, sui giornali e quantaltro…….. è anche questo.

Come dire. In un Mondo di comunicazione, senza l’ immagine non possiamo andare avanti. Mai.

Ma la fotografia è anche Storia, Arte e valori.

Ed è per ciò che l’ amiamo nel profondo dell’ anima.

Una delle molte essenze dell’ Umanità.

_________________

Firenze, 30 marzo 2017

Con un “banco ottico”, apparecchiatura fotografica ottocentesca, lo staff Alinari ha realizzato, nella Sala della Musica di Palazzo Pitti, una fotografia celebrativa del primo G7 della Cultura inaugurato oggi a Firenze, a cui hanno preso parte, oltre al Ministro Franceschini, i suoi colleghi di Canada, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna e Stati Uniti, nonché il commissario europeo per la cultura ed il segretario generale dell’Unesco.

La fotografia verrà sviluppata e stampata in analogico secondo le tecniche artigianali dell’800, garantendo la massima qualità ed il prestigio propri di Alinari.

Una copia della fotografia, consegnata a tutti i partecipanti, entrerà anche negli Archivi Alinari che, con un patrimonio di oltre 5 milioni di fotografie, conservano e valorizzano la memoria del nostro Paese e del mondo intero e, da oltre 150 anni, producono e tramandano al futuro comunicazione per immagini.

La “Cultura come strumento di dialogo tra i popoli”: medium privilegiato, che non conosce barriere o limiti, la fotografia racconta da quasi 180 anni la storia, i popoli, l’arte, la cultura, il paesaggio, il lavoro. La società Alinari è protagonista di questo racconto dalla metà dell’800.

Credit fotografico: Archivi Alinari, Firenze Ufficio stampa: Susanna de Mottoni

www.alinari.it

___________________


 

Un convegno sull’ infanzia rubata.

L’INFANZIA RUBATA Lo sfruttamento militare dei bambini Ieri E Oggi.

Giovedì 28 novembre 2013 ore 16,00 – 20,00 Camera dei Deputati, Sala delle Colonne, Via Poli 18 – Roma.

Ore 16:00 PROIEZIONE DEL FILM “I FIGLI DELLA GUERRA”* (Messico,

2004) Regia: Luis Mandoki Sceneggiatura: Oscar Torres Durata: 120’

Ore 18:00 DIBATTITO Apertura: Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute

Intervengono: Eugenia Roccella, Vicepresidente Commissione Affari Sociali Oscar Torres, Scrittore e sceneggiatore del film “I Figli della Guerra” Akwasi Yadom Adarkwah, Presidente del Mother Child Ravera Center, “Family Homes Movement”, Sierra Leone Antonella Napoli, Giornalista, Presidente di “Italians for Darfur” ONLUS Modera e conclude: Fiamma Nirenstein, Giornalista e scrittrice, Presidente di Summit

*Il film si basa sull’infanzia dello scrittore Oscar Orlando Torres, che sarà presente al convegno. Anni ’80, El Salvador: infuria la guerra civile. Indebolito da due anni di scontri, l’esercito è costretto a rifornire le sue fila con i giovani figli della nazione, di solito rapiti negli assalti ai villaggi. Una storia di formazione sullo sfondo di una tragedia collettiva. Si ringrazia Lionsgate, titolare dei diritti internazionali del film, per la gentile concessione della pellicola.

E’ prevista traduzione simultanea inglese-italiano-inglese

E’ necessario accreditarsi: Tel: 06-67605244, cell. 393 805 8906 email:

summitinformation@gmail.com

N. B. Per gli uomini è obbligatorio indossare la giacca

 

________________________

Vietato !! Tavola rotonda e una mostra fotografica a Firenze.

 vietato!  copia

Inaugurazione mostra  venerdì 21 ottobre ore 19

fsmgallery Via San Zanobi 19R, Firenze

 

22 ottobre _ 15 dicembre 2011

dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19 o su appuntamento

 

Tavola  Rotonda sabato  22 ottobre ore 17

CIS Firenze Meeting,Via  Fiume 7, Firenze (Stazione SMN)

con Giovanna Calvenzi (Photoeditor), Gabriele Caproni (Circolo Fotocine Garfagnana), Renata Ferri (Photoeditor), Martino Marangoni (Fondazione Studio Marangoni),

Pietro Paolini (Terraproject), Claudio Pastrone (FIAF), Michele Smargiassi (La Repubblica), Massimo Stefanutti (avvocato)

fsmgallery

Via San Zanobi 19R Firenze

Telefono +39 055 280368

Fax      +39 055 215052 exhibitions@studiomarangoni.it www.studiomarangoni.it

 

VIETATO! I limiti che cambiano  la fotografia

“Ci siamo quasi abituati. Guardiamo le fotografe sulle pagine dei periodici italiani e non ci stupiamo di vedere volti pixelati (ci siamo abituati anche a questo brutto neologismo) o striscette nere (pecette?) che coprono occhi o visi. Cerchiamo di fotografare per la strada, situazioni di vita che la storia della fotografa  ha reso parte integrante della nostra cultura visiva, e ci accorgiamo che ci poniamo dei limiti. Che preferiamo che le persone siamo di spalle, che l’idea di chiedere una liberatoria o un’autorizzazione rallenta il ritmo del nostro lavoro, distrae la concentrazione. Evitiamo scientemente i bambini…” così scrive Giovanna Calvenzi nella presentazione della mostra VIETATO!  I limiti  che cambiano la fotografa.

55 foto di autori professionisti tra cui Gianni Berengo Gardin, Francesco Cito, Chico e Stefano De Luigi, Piergiorgio Branzi, Letizia Battaglia, Gabriele Basilico, Uliano Lucas, Alex Maioli, Francesco Zizola, per porre in evidenza le gravi conseguenze di una forzata interpretazione della privacy nella fotografa e nell’editoria.

Vietato guardarle negli occhi. I 55 autori hanno accettato di deturpare le loro immagini con una pecetta. Una provocazione che vuole spingere a rifettere  sulle sempre più forti restrizioni della fotografa di documentazione, quella di strada e di reportage da parte delle leggi sul diritto all’immagine. Quando le generazioni future andranno a cercare immagini del modo di vivere di questo periodo storico non ne troveranno. E’ il più grave danno che la psicosi della privacy sta arrecando al modo di fotografare dei nostri giorni, inducendo nella massa un modo di pensare completamente fuorviante. Questa mostra, prodotta dal Circolo Fotocine Garfagna e curata da Giovanna Calvenzi, Renata Ferri e Gabriele Caproni, vuole essere una dichiarazione di coscienza su quello che sta accadendo e che causa danni irreversibili alla documentazione iconografca dei nostri tempi.

Fotografe di Alessandro Albert, Marco Anelli, Isabella Balena, Gabriele Basilico, Letizia Battaglia, Gianni Berengo Gardin, Massimo Berruti, Michele Borzoni, Piergiorgio Branzi, Luca Campigotto, Alessandra Capodacqua, Lorenzo Castore, Enzo Cei, Gianni Cipriano, Francesco Cito, Ignacio Coccia, Cesare Colombo, Edoardo Delille, Chico De Luigi, Stefano De Luigi, Federica Di Giovanni, Giulio Di Sturco, Simone Donati, Carlo Furgeri, Gabriele Galimberti, Simona Ghizzoni, Alberto Giuliani, Elena Givone, Alessandro Imbriaco, Francesca  Leonardi, Uliano  Lucas, Sirio  Magnabosco, Alex  Majoli, Emiliano Mancuso, Martino Marangoni, Giovanni Marrozzini, Pietro Masturzo, Davide Monteleone, Antonella Monzoni, Cristina Omenetto, Pietro Paolini, Mario Peliti, Simone Perolari, Marta Primavera, Francesco Radino, Rocco Rorandelli, Giulio Sarchiola, Annette Schreyer, Shobha, Massimo Siragusa, Toni Thorimbert, Giovanni Umicini, Riccardo Venturi, Paolo Verzone, Francesco Zizola.

_________________

COMPRERESTI RIFIUTI ?

Hemingway, scoperti degl’ appunti inediti e un convegno internazionale.

Si sta svolgendo in questi giorni a Cuba un incontro di altissimo livello sul romanziere Ernest Hemingway a cui partecipa anche lo scrittore, giornalista, saggista italiano Guido Guidi Guerrera, autore di diversi libri tra cui una biografia del cantautore Franco Battiato. Qui sotto l’ articolo sul convegno tratto dal Granma International – Tutti i diritti riservati ©. Foto, Casa di Hemingway a Key West, Florida Usa, 2001 – Fiesoli.

Prosegui la lettura…