Archivio

Archivio per la categoria ‘Società’

Schegge di periferie.

13 Febbraio 2018 Commenti chiusi

SCHEGGE DI PERIFERIE:
IL NEOREALISMO A MILANO
Fotografie di Nino De Pietro
Dal 16 febbraio al 31 marzo 2018

VERNISSAGE: giovedì 15 febbraio ore 18 (SU INVITO)
PREVIEW PER LA STAMPA: giovedì 15 febbraio ore 12

La Fondazione Luciana Matalon di Milano è lieta di ospitare, in collaborazione con Fratelli Alinari, Fondazione per la Storia della Fotografia di Firenze, la mostra del fotografo Nino De Pietro, dal 16 febbraio al 31 marzo 2018.

L’esposizione Schegge di periferie: il Neorealismo a Milano , curata da Maria Possenti, Emanuela Sesti e Italo Zannier, presenta 70 foto da pellicola negativa Kodak in bianco e nero che De Pietro, con la sua inseparabile Leica, ha scattato a Milano tra gli anni Cinquanta e gli anni Ottanta.

La matrice linguistica delle sue fotografie è il cinema neorealista italiano di Roberto Rossellini, Vittorio De Sica e Luchino Visconti di cui condivide la rappresentazione della vita nella sua immediata realtà, senza idealizzazioni o abbellimenti. Un realismo poetico quello di Nino De Pietro che lo porta a osservare Milano e il suo divenire mettendo in luce scorci non convenzionali, luoghi spesso dismessi resi vivi dai sentimenti dei suoi abitanti, senza regole formali o imposizioni ideologiche, ma semplicemente raccontando il tempo presente.

Il fotografo percorre “disordinatamente” le strade di Milano eseguendo straordinarie sequenze fotografiche dove si accavallano i luoghi della vecchia periferia: i navigli e i cortili delle case di ringhiera dove sono ancora presenti le tracce delle incursioni aeree della seconda guerra mondiale, la neve a Sesto San Giovanni, le scritte sui muri, le tende da sole dei grandi condomini periferici, la ferrovia nel quartiere di San Cristoforo, la Trattoria del Risveglio, frequentata da Giorgio Gaber, le discariche e le loro sedimentazioni di “testimonianze ambientali”, le baracche di viale Plebisciti, il Vicolo dei Lavandai tanto caro a De Pietro da decidere di stabilirsi lì con il suo studio, la Fiera di Sinigaglia, gli oggetti di lavoro, le biciclette e i panni stesi ad asciugare, i tram e infine i manifesti del cinema e quelli strappati dai muri.

Nino De Pietro conduce un’indagine insieme distaccata e appassionata, oggi ancora più preziosa poiché capace di restituirci
ambienti e persone ormai di perduta memoria.

Nino De Pietro, Milanese doc, classe 1921, dopo gli studi di Economia alla Bocconi, lavora al Banco di Roma tra il 1945 e il 1954, anno in cui inizia a lavorare per la Kodak di Cinisello Balsamo dove resterà fino al 1982, con le mansioni di Photographic Promotion Specialist. Si dedica alla fotografia dal 1955, anno in cui entra a far parte del “Circolo fotografico milanese”. Dal 1956 è membro della F.I.A.P. (“Fédération Internationale de l’Art Photographique”) che lo nomina nel 1962 Artista con il riconoscimento AFIAP e nel 1979 ESFIAP (Excellence pour services rendus à la cause de la photographie). Pubblica le sue immagini sulle principali riviste specializzate (Popular Photography, Fotografia, Ferrania, Progresso fotografico, Enciclopedia della fotografia, La Gazzetta della fotografia, Nuova Fotografia), partecipa a concorsi ed eventi espositivi in Italia e all’estero (Circolo fotografico milanese, Biblioteca Comunale di Corsico, Circolo Antoniano di Milano, spazio Kodak di Milano, grattacielo Pirelli, Museo di Milano, Biblioteca Comunale di Paderno Dugnano, Club Italiano fotoamatori, Spazio Cortina, Galleria d’Arte Cadorna).Riceve numerosi riconoscimenti ai Saloni Internazionali di Fotografia della Kodak a Rochester, a Londra, a Melbourne e a Stoccarda (tra cui J.J.Rouse Memorial Grand Award, I.N.Hultman Award), al Salone Internazionale di fotografia di Katowice (Polonia), alle mostre FIAF (Torino 1961). L’archivio è stato donato dall’Autore alla Fratelli Alinari nel 2017 ed è costituito da oltre 5.000 negativi in bn e a colori nei formati 6×9 e 24×36 e da oltre 900 vintage prints. Fedelissimo alla Kodak ha usato per il bianco e nero la Tri xPan e per il colore Kodachrome, Ektachrome, Kodacolor; le sue macchine fotografiche sono state la Leica, la prima, poi la Rolleiflex e la Mamya. Negli anni ottanta apre lo studio nella zona dei Navigli di Porta Ticinese, nel Vicolo dei Lavandai, a lui tanto caro.

CATALOGO:

“Schegge di periferie: il Neorealismo a Milano, Fotografie di Nino De pietro”, a cura di Maria Possenti testi di Emanuela Sesti e Italo Zannier
Edizioni Alinari Firenze 96 pagine, in Italiano
Euro 28 – PREZZO SPECIALE IN MOSTRA 22 EURO

SCHEDA TECNICA

Schegge di periferie: il Neorealismo a Milano. Fotografie di Nino De Pietro 16 febbraio – 31 marzo 2018
Fondazione Luciana Matalon
Foro Buonaparte 67 – 20121 Milano (vicino al Teatro dal Verme)

UFFICIO STAMPA e INFO:
Chiara Belli – Irene Brustia
Tel. 02 878781 / fineart@fondazionematalon.org
www.fondazionematalon.org

ORARI:
Da martedì a domenica h 10-19 / Chiuso lunedì La biglietteria chiude 30 minuti prima.

INGRESSO:
Intero € 4 + € 2 tessera associativa Amici della Fondazione Luciana Matalon
Ridotto € 3 + € 2 tessera associativa (Over 65, bambini 7 – 12 anni, scolaresche, disabili, gruppi min.15 persone) Gratuito bambini fino a 6 anni. Per i minori di 18 anni non è necessaria la tessera associativa

Oggi ho perso qualcosa della mia giovinezza.

4 Febbraio 2018 Commenti chiusi

Sono nato a Firenze nel quartiere di Rifredi zona Poggetto, un piccolo clivo in cui una volta era tutto verde prima di un urbanizzazione un pò disordinata e anche speculativa prendesse il sopravvento e pure l’ immigrazione cominciasse a muovere i primi arrivi mentre i professionisti aumentavano le loro residenze.

Sovrastante ad una enorme galleria – rifugio della seconda guerra mondiale e voluta dal ricco fascista Paolo Veronesi Pesciolini che trapanò a lungo questo piccolo angolo medio borghese, talvolta noioso e che ha sempre benissimo ” coperto ” importanti problemi di levatura sociale aumentati negl’ ultimi tre decenni.
Dove la città oltre non va per i vincoli paesaggistici della cintura collinare mentre poco a sud i quadrati e i rettangoli dei popolari cominciano a fare capolino all’ orizzonte.

Poi come molte persone preso dalla strana voglia di andare dopo i trentanni ho imboccato la mia strada andando ad abitare altrove ma lì vive tuttora mia madre e quindi non di rado mi capita di ritornarci.

Sono stati gl’ anni della mia infanzia, della spregiudicatezza di correre dietro a un pallone su campi incolti oppure in vialetti stretti chiusi da cancelli di ghisa quando la sera ti mancava il fiato per raggiungere impossibili sogni…….
Di ritrovi nelle case del popolo con ragazzi che poi il tempo ha fatto perdere di vista per le più svariate ragioni.
Spensieratezze e amarezze, prime esperienze, come ci insegna fin dall’ inizio la vita. Insomma, tutti abbiamo dei natali.

Impiccarsi per uno sfratto a Firenze è una cosa che non capita tutti i giorni e prima di tutto se accade nel proprio condominio.

E quando sai, avendolo vissuto pure in strettissima amicizia, quello che oggi rimane di un nucleo familiare di due genitori deceduti e quattro figli di cui due già morti.
Un tempo agiata ma che per via di scelte completamente errate, colpe profonde di vite dissolute schiacciate dalla morsa della disoccupazione, incapacità di reagire alla spirale curative degl’ psicofarmaci del Sevizio Nazionale, solitudine e sfortuna, si sta disgregando sotto i colpi implacabili di un destino infausto.

E che potrebbe riservare ancora delle ulteriori tragedie.

Una tristissima notizia, del tutto inaspettata poiché mai avrei pensato a tale gesto.

Sebbene sia contrario al suicido ma in particolari casi chi non desidera una liberazione ?

Una domanda a cui è quasi impossibile rispondere mentre una cosa è certa.

Oggi ho perso qualcosa della mia giovinezza.

_________________________________

Qui sotto alcuni dei numerosi articoli sulla tragedia.

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/02/01/news/poggetto_si_impicca_nel_giorno_dello_sfratto-187782855/

http://www.lanazione.it/firenze/cronaca/sfratto-uomo-morto-1.3696968

http://iltirreno.gelocal.it/regione/toscana/2018/02/01/news/vanno-a-notificargli-lo-sfratto-lo-trovano-impiccato-a-casa-1.16422557

Una straordinaria immagine di quasi 60 anni e una stampa sublime di 22.

21 Gennaio 2018 Commenti chiusi

Tutte le mattine che si alza il sole e apro la serranda del mio salotto, una luce tenue, calda, fredda, circonfusa oppure irradiante a seconda delle stagioni, entra ed illumina le quattro pareti bianche.
Su di una di esse da oltre ventidue anni si trova una stampa da negativo originale del Maestro americano Ansel Adams compresa nella serie della Yosemite Special Edition.

Venne acquistata in uno dei miei frequenti viaggi in America, nel 1996, presso la Ansel Adams Foundation, nello Yosemite N. P.

Ancora oggi le stampe di Adams sono in vendita: basta andare sul suo sito internet e se vuoi te le mandano anche in Antartide. Ma allora i prezzi erano molto abbordabili considerato il favorevole cambio del dollaro quando già si vociferava a livello internazionale la nascita dell’ Euro.

Moon and Half Dome. Una tra le più note per quel gioco di contrasti, di neri profondi che enfatizza già una montagna dello Yosemite da sempre eccezionale per la sua figura e anche un pò irraggiungibile per via della difficile ascensione quasi tutta granitica e in verticale.

Questa fotografia NON è stata stampata da Ansel Adams sebbene lo scatto faccia parte di una sua sessione degl’ anni sessanta ed è noto che il fotografo ogni qualvolta usava differenti fotocamere: le stampe Yosemite Special Edition sono tutte realizzate con i negativi originali di Ansel, che sono prevalentemente in formato 8 × 10. Probabilmente in camera oscura il negativo non ha mai incrociato le mani di Adams ma solamente lka sua supervisione.

La serie comprende inoltre 5 × 7, 4 × 5, 3 1 / 4 x 4 1 / 4 , e 120 formati quadrati; un negativo, “Bridalveil Fall”, è una lastra di vetro 8 × 10.

I negativi coprono un periodo di oltre 40 anni, e sono stati elaborati in molti sviluppatori diversi. Alcuni di loro sono “pre-Zone System”, quindi c’è una certa variazione di contrasto e densità, e alcuni dei migliori negativi hanno subito qualche danno durante l’incendio del 1937 nella camera oscura Yosemite di Ansel.

Nonostante queste sfide tecniche, la forza delle immagini le rende completamente “stampabili”, senza perdita di qualità o estetica.

Fare delle stampe in edizione speciale è un compito arduo in particolaremodo quando le aveva scattate un grande maestro. Le stampe sono ancora realizzate direttamente dai negativi di Ansel e in modo “tradizionale”: in una camera oscura bagnata con luci di sicurezza ambrate, prodotti chimici e acqua corrente. Le stampe sono ancora stampe in argento-gelatina, il che significa che l’elemento che forma l’immagine è letteralmente argento metallico. Prezioso è il rafforzamento aggiunto nel processo finale con tre ( 3 ) bagni di Selenio e una diluzione Zonale che rende forse eterne.

La mia è da un rullo 120 con tanto di certificato di autenticità che NON lascia il minimo dubbio della proprietà del fotogramma e sulla paternità e sul lavoro svolto in Camera Oscura.

Pellicola Panatomic X sviluppo N+1 – esecuzione fotografia 1960, stampa negativo 1995.

Adams negl’ anni prima di morire si avvaleva di due o tre giovani stampatori che lui stesso nel corso del tempo anni aveva formato con una esperienza certosina. Uno di questi è Alan Ross che intraprese una carriere personale di fotografo dopo la morte del Maestro Americano. Oggi Ross è un signore maturo dedito completamente alla fotografia ma continua all’ occorrenza e su richiesta a stampare quei negativi di quell’ epoca. Eì sempre rimasto molto legato all’ Ansel Adams Gallery Foundation.

Non sono mai stato un collezionista di stampe altrui di sebbene ne abbia anche una piccola di un altro fotografo italiano. Il primo perchè costano assai quando il valore è poi molto difficile definirlo. Il secondo perchè il collezionismo richiede tempo, curiosità e voglia e credo che quando hai una tua piccola biblioteca personale di libri sia già più che sufficiente.

Adams è stato uno dei miei fotografi preferiti sia per lo stile, per l’ impegno viscerale e la dedizione totale alla Natura. Di lui ho letto e posseggo ben 19 pubblicazioni di cui alcune solamente in edizione americana e il suo racconto ancora oggi resiste alle ingiurie del tempo fotografico che scorre.

Un racconto epico, talvolta drammatico e solenne ma sicuramente più autentico di tanti altri.

La stampa è sempre l’ apice di una fotografia. Anche se fatta con un plotter professionale. Non sono un nostalgico dell’ analogico considero il digitale lo sviluppo della tecnologia ma ogni tanto quando riguardo questa immagine sulla parete bianca oppure ne pulisco delicatamente il vetro………Beh………. se penso che con le dovute proporzioni certe cose un giorno non esisteranno mai più……………….

Auguri di Buon Natale e un felice 2018 a tutti voi.

23 Dicembre 2017 Commenti chiusi

I migliori auguri di Buon Natale e un felice 2018 a tutti Voi e famiglie.

Merry Christmas and happy new year 2018 to you.

_____________________________

Fotografia: coro di Natale, Epcot, Orlando, Florida, Usa 2000 – Gianluca Fiesoli.

Tredici anni fa moriva Yasser Arafat.

Il tempo, come acqua che scorre, porta via tutti i suoi figli. E’ una grande detto ma innanzitutto è una Verità irrefutabile.

Circa 13 anni orsono moriva Yasser Arafat il cui vero nome era Muhammad Abd al-Raman ‘Abd al-Rauf al-Qudwa al-Husayni, che poi veniva trasformato nel mondo islamico con un appellativo di fantasia, Abu Ammar, per delle necessità effettive oppure soggettive come talvolta succede anche in Occidente.

Yasser Arafat ha avuto un peso non indifferente in tutto il Medio Oriente e a tratti anche sulla scena mondiale sebbene nell’ ultimo lustro era quasi stato ” dimenticato ” ma restava comunque un punto di riferimento per la società mussulmana.

Era oramai noto che il Presidente, dopo gl’ attentati dell’ 11 settembre, salvo rarissimi casi, non lasciava più la Palestina, ostaggio confinato dagl’ israeliani i quali sostanzialmente oltre l’ assedio armato gli negavano qualunque autorizzazione costringendolo a vivere asserragliato nella sede di Ramallah a discapito di quella che doveva essere una partita politica non ancora conclusa.

Un declino affannoso, con obsolete idee, definito da taluni addirittura clientelare oltre a una salute che stava diventando cagionevole. Erano in molti, compreso i suoi più stretti colleghi e collaboratori, che desideravano un avvicendamento prima della naturale dipartita avendolo messo in discussione più volte.

E anche nel giorni della morte ha lasciato il mistero di un possibile avvelenamento portandosi con se molteplici segreti mai del tutto chiariti per quella che era stata un ambigua e controversa figura ma pure abile nel sapere gestire e rilanciarsi in mezzo ad epocali cambiamenti.

Arafat nella sua vita ha conosciuto qualche vittoria, ha lottato molto attraversando periodi roventi caratterizzati da guerre civili, occupazioni, sistemi terrorismo e subendo anche diverse sconfitte sul campo assieme ad un temporaneo esilio che però gli consentirono di proclamare la nascita dello stato della Palestina.
Un astuta mossa con il sostegno di altri capi arabi ( Saddam Hussein ) che gli permetterà di diventare il simbolo e l’ uomo chiave dei palestinesi.

Sin da quando era giovane dimostrò la sua indole di rivoluzionario cavalcando la difficile guida dell’ Olp e di Al – Fatah organizzazioni politiche e paramilitari a cui devono il costante impegno e la ” speranza ” di migliaia di palestinesi evocando un motivo ad essi che si potessero battere con efficacia per la liberazione delle terre e la creazione di uno stato indipendente sconfiggendo così un giorno i nemici sionisti.

Il leader palestinese ha ricevuto la rilevante onorificenza del Nobel per la Pace per quel tentativo diplomatico che all’inizio degl’ accordi di Oslo sembrava potesse finalmente costruire un armistizio definitivo ma che risultò in brevissimo tempo un cocente fallimento per l’ incapacità di trovare una soluzione da ambo le parti ribadendo così il sottile e persistente odio tra i due governi con gl’ interessi di dominio e le soluzioni in gioco.

Movimenti d’ispirazione ideologica troppo lontani ed evidenziati anche nel vertice negoziale di Camp David e nei posteriori accordi di Sharm El Sheikh.

E poi con l’ avvento della cruenta seconda Intifada iniziata il 28 settembre del 2000 mentre il caos politico e territoriale prosegue tuttora in una alternata ma infinita scia di sangue.

Quasi niente è cambiato in West Bank e nella martoriata Striscia di Gaza dalla morte di Yasser Arafat. Tuttavia la fine ha dato un maggiore rafforzamento e accentramento di potere al gruppo radicale di Hamas che gode di ampia fiducia.

In tutti questi anni Israele ha proseguito senza sosta nell’ utilizzazione della forza armata: operazione Arcobaleno, operazione Piombo Fuso, colonie di popolamento illegali, campagna militare ” Inverno caldo “, barriere in zone cuscinetto e un ” Security fense ” di oltre settecento chilometri che innalza un triste sentimento di imprigionamento nei confronti dei palestinesi della Cisgiordania.

Un eredità pesante, un intricato mosaico oramai divenuto un ” labirinto senza via d’ uscita ” in cui anche la comunità internazionale ha delle colpe.

____________________

Ho vissuto ben cinque giorni e quattro notti nel Muqata di Arafat che non è poi che un grosso compound alle porte di Ramallah sulle colline della Giudea.

Un esperienza personale straordinaria avvenuta nella calda primavera del 2002 quando l’ IDF aveva già cominciato a circondarlo sfondando il alcuni casi la recinzione muraria del complesso e stavano studiando un attacco mirato per eliminarlo definitivamente.

I ricordi sono molti come nel silenzio delle notte squarciati dall’ inquietante rumore del movimento dei cingoli dei carri armati e da sordo sparo in lontananza.

Oppure quell’ ospitalità senza alcun pregiudizio nei miei confronti come quella di partecipare e mangiare assieme a tutto lo staff.

Il mio scopo non era intervistarlo e nemmeno conoscere gli sviluppi politici del Medio Oriente ma bensì semplicemente fotografarlo in quella che veniva definito il suo rifugio abitativo.

Le poche frasi scambiate con il leader furono quando il capo di gabinetto mi presentò e poi la richiesta di riprenderlo sulla terrazza del costruzione principale sopra il suo ufficio che però mi venne negata a causa della pericolosità di un possibile colpo di arma da fuoco che potevano scagliare i cecchini israeliani. Lui stesso mi fece capire che prima o poi avrebbero cercato di attaccarlo. Parole di santa predizione perché così avvenne dopo alcune settimane.

Tuttavia non mancarono le occasioni e le situazioni che si presentarono in quei giorni: le conferenze stampa, l’ incontro dopo la mezzanotte con Javier Solana che era venuto per tentare di ricucire i rapporti sulle tematiche della sicurezza e che aveva bisogno dell’ assenso di Arafat, il lungo colloquio con il diplomatico spagnolo Miguel Ángel Moratinos, il meeting con El Van Dick ed alcuni rappresentanti delle chiese ortodosse in Palestina e altro ancora.

___________________

Immagine Fiesoli e Arafat.
Fotografia di Al Mhreb – tutti i diritti riservati.

L’ Italia naufraga nella campagna di Russia, ma è giusto così.

13 Novembre 2017 Commenti chiusi

Quello che si temeva si è avverato. Dopo ben sei decenni gl’ Azzurri non andranno a un mondiale di calcio. Ma se lo vogliamo dire tutta è giusto che sia così prima di aspettare ulteriore tempo per poi ingoiare un altra delusione altrove. Almeno avremo tutte le opportunità per ricominciare da zero e sperare in un lontano futuro di ricomporre un altro dignitoso ciclo.
Ma le colpe arrivano da lontano. In primis da un parco giocatori e gerazionale concluso e allo stesso tempo di qualità insufficiente. I vecchi hanno fatto quello che potevano i nuovi sono scarsi in tutti sensi.
Carattere, voglia, talento ed esperienza difettano assai. Inoltre la Federazione che poteva fare di più. Non si tratta di sparare sulla Croce Rossa ma Ventura non è un allenatore per questi livelli, il carisma è assente e le idee sono obsolete mentre il gioco ha sempre latitato.
L’ Italia di oggi rispecchia fedelmente il panorama calcistico della nostra serie A e non me ne voglia nessuno basta vedere come si gioca ogni domenica.

E adesso buona fortuna ce n’è veramente bisogno. E per chi verrà a guidare gl’ azzurri avrà da lavorare sodo e affrontare immensi grattacapi.

_______________________

La giornalista che gioca con il fuoco.

13 Agosto 2017 Commenti chiusi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il giornalismo, quando ben fatto, è un mestiere intelligente e per certi versi un pò affascinante, nonostante quel che si voglia insinuare.

Cultura, intuizione, approfondimento, analisi, critica e recensione, reportage ma anche semplici e anonimi addetti stampa che vivono nelle retrovie senza la luce della ribalta o del consenso.

Una professione che come le altre dovrebbe avere un etica ben precisa ma talvolta non è proprio rispettata per le logiche che tutti conosciamo. La Storia è piena di grandi scoop che hanno sollevato il velo per arrivare alla Verità ma è anche satura di bufale o di news completamente fasulle oppure di scritture mendaci tese a favorire una lobby o di una servitù al Potere.

Ma veniamo a noi. E’ di queste ore la notizia.

Trapiantata dal nordest dell’ Italia alle crete senesi della Toscana oramai da tanti anni, iscritta regolarmente all’ Ordine dei Giornalisti dal lontano 1994, una donna di oltre cinquanta anni,  è stata arrestata in piena fragranza ad appiccare dei fuochi  in una zona di pregio e storica ma soprattutto paesaggistico della provincia di Siena favorendo così il flusso del vento che in poco tempo aveva giù bruciato alcuni etteri di  bosco.

In una rovente estate come quella che stiamo attraversando i forestali, i pompieri,  polizia e associazioni antincendi faticano a mantenere la salvaguardia dell’ ambiente svolgendo un lavoro incessante e difficilissimo dove spesso sono sconfitti per i danni irreparabili che non sono riusciti ad evitare all’ imbecillità  altrui.

La giornalista piromane, quindi, è stata arrestata e messa immediatamente ai domiciliari ma quello che colpisce è che al momento del fermo non ha saputo giustificare la responsabilità dell’ accaduto.

Dall’ interrogatorio dei Carabinieri che gli hanno chiesto perchè lo aveva fatto la giornalista ha risposto che gli piacciono i boschi per passeggiare, ma voleva che fossero ordinati e perciò senza sterpaglie.

Il mondo è bello ( brutto ) perchè vario.

Senza parole.

________________

 

 

Nikon Corporation, 100 anni di storia e di fotografia.

18 Luglio 2017 Commenti chiusi

Coming soon………NIKON CORPORATION azienda leader nel mondo per la fotografia e non solo, quest’ anno ha raggiunto il prestigioso traguardo di un secolo di attività.

Gl’ importatori del celebre marchio per festeggiare l’ avvenimento hanno messo in moto tante manifestazioni.
NIKON ITALIA ( NITAL SPA ) oltre a questo ha dato alle stampe un particolareggiato catalogo di qualità in alcune migliaia di copie che ripercorre la storia nei suoi passaggi più importanti sia tecnici che dinamici.

100 fotografi italiani selezionati, fedelissimi NIKON, uno per ogni anno.

Dal reportage al matrimonio, dalla cronaca allo still life…… dal viaggio al ritratto……… dalla natura…..allo sport agonistico…….

Qui sotto, la doppia pagina che riguarda il mio contributo:

Etiopia, tribu Omo, anno 1994 fotocamera Nikon F4s…….quella che considero la migliore reflex giapponese al tempo della pellicola nel formato 24×36 e che ricordo con un pò di nostalgia.

Le altre immagini sono alcune tra le più significative della pubblicazione assieme alla copertina e il cartonato e dei testi.

_____________________________

La Bosnia Erzegovina ricorda Srebrenica.

5 Luglio 2017 Commenti chiusi

Alcune decine di persone hanno cominciato lunedì mattina da Sarajevo il cammino di oltre duecentocinquanta chilometri che li porterà a Nezuk per andare a ricongiungersi con la Marcia della Pace dove poi proseguiranno per il mausoleo di Potocari l’ 11 Luglio per ricordare il massacro di Sebrenica oramai giunto al ventiduesimo anniversario.

Sono attese per i funerali sessantamila persone provenienti da tutta la Bosnia Erzegovina ma non solo.

Secondo l’ ultimo comunicato del MPI quest’ anno le sepolture saranno settanta provenienti da due aree della Bosnia orientale.

Il più giovane si chiamava Damir Suljic ed aveva solamente 15 anni quando venne assassinato mentre il più vecchio era un uomo che allora aveva compiuto da poco 72 anni.

Tuttavia, se le famiglie delle vittime identificate in precedenza avessero concesso all’ Istituto delle persone scomparse di finire  il processo di ricomposizione ci sarebbe stato sicuramente un aumento del numero delle vittime da essere sepolto martedì prossimo.

La stragrande maggioranza dei corpi esumati dalle fosse comuni dopo anni di ricerca e di lavori di scavo sono pressoché incompleti e alcune famiglie sono stanche e invecchiate di attendere una dignità che comunque non lenirà mai il dolore e la sofferenza di questa tragedia.

La ricerca dei corpi è un lavoro difficilissimo aiutato dalla scienza ma anche ostacolato dalla precarietà di mezzi finanziari e dalle naturali difficoltà oggettive che s’ incontrano sul territorio.

Anche per Srebrenica 2017 non sono mancante delle tensioni politiche e la diplomazia tra Bosnia e Serbia è tuttora molto distante ma soprattutto non si intravedono tangibili segnali di distensione malgrado siano ambedue candidati ad entrare nell’ Unione Europea.

La Corte dell’ Aja a fine Giugno ha confermato in Appello gran parte della condanna risalente al 2014  e che il governo olandese è parzialmente responsabile della morte di trecento mussulmani.

Nonostante questo e nel tempo alcuni criminali serbi siano stati catturati e condannati, la vicenda di Srebrenica ha ancora molte ombre e la ricerca della Verità non è del tutto conclusa.

 

_____________________

Srebrenica – Potocari, Bosnia Erzegovina, 11 Luglio 2011.

Sedici anni non bastano per alleviare il dolore. Nel giorno della commemorazione la Bosnia Erzegovina si stringe intorno ad altre 613 vittime che sono state pietosamente ricomposte e riconosciute tramite la scienza e i test del dna. Un lavoro complesso eseguito da antropologi forensi e che continua senza un attimo di sosta, con pochi mezzi a disposizione e senza sapere quando finirà.

Suljic Hazan Nedzad era nato nel 1975. E’ stato assassinato a soli venti anni ed è uno dei più giovani di questi ultimi ritrovamenti. La lapide con la mezzaluna porta la numero 451. Oggi sarebbe stato un adulto con una famiglia e un onesto lavoro. La madre siede mestamente davanti alla fossa in attesa che venga sotterrato.

Il suo viso è segnato da profonde rughe e dalla sofferenza che contrastano su un candido fazzoletto color crema il quale le raccoglie i candidi capelli bianchi. In quella che fu un aberrante strage ha perso pure il marito che venne trucidato con una raffica di mitra in un magazzino della borgata di Kravica dopo che aveva tentato di scappare attraverso i boschi. Lei assieme ad altri sfollati dei villaggi circostanti fu trasferita nella zona libera di Tuzla.

Alla fine dell’ anno scorso l’ Istituto Nazionale delle persone scomparse le ha comunicato che avevano ritrovato i resti dell’ unico figlio che aveva. Con voce interrotta da un pianto convulso, nelle frasi che mi vengono tradotte dall’ inviato del quotidiano Oslobodenje di Sarajevo, la donna ci racconta che il ragazzo fu preso durante un rastrellamento dei militanti serbi quando erano appena entrati nel centro abitato.

Da allora non ha saputo più niente, ma in tutto questo tempo nonostante la realtà fosse così evidente e tragica si è sempre illusa di riaverlo vivo. Conclude dicendoci che non conosce neppure la dinamica dell’ omicidio e che è possibile soltanto fare delle ipotesi. Fucilato, torturato, sgozzato con un coltello oppure ucciso in ginocchio con un vigliacco colpo di pistola alla nuca. Probabilmente resterà per sempre un atroce mistero.

Neanche il recente ma tardivo arresto dell’ ex Comandante militare Ratko Mladic, il boia dei Balcani, cancella la disperazione e il rancore che questo popolo si porta addosso. Proprio oggi le vedove di Srebrenica hanno usato toni duri e perentori contro quelli lo hanno preso. Sostengono che da tempo il governo serbo era perfettamente a conoscenza del luogo in cui Mladic si nascondeva e guarda caso la cattura è avvenuta nei giorni della visita a Belgrado di Catherine Aston, l’ Alto Rappresentante per gli Affari Esteri dell’ Unione Europea.

Le donne bosniache chiedono risarcimenti per le vite distrutte. Però, dopo oltre tre lustri sono ancora più di un migliaio i casi pendenti. Sebbene alcuni progressi siano stati fatti per tutelare i diritti umani, il piano di recupero fondi destinato alle famiglie degli scomparsi non è stato pienamente attuato e quindi le controversie rimangono insabbiate nella burocrazia.

E’ una giornata toccante, pregna di tristezza. La ricorrenza del genocidio assume una dimensione e un valore simbolico molto profondo. E’ inammissibile restare insensibili di fronte a queste scene, ma purtroppo nei prossimi anni il numero dei morti accertati salirà ancora. Molte bare saranno tumulate nuovamente perchè ulteriori fosse comuni secondarie sono state individuate tra le montagne e andranno ad aggiungersi alle migliaia di vittime che riposano dal 2003 nel memoriale di Potocari.

Sembra non finire mai il massacro di Srebrenica anche se nella regione c’ è un processo di stabilizzazione e in futuro la prospettiva di aderire nell’ Europa che conta. Resta però il fatto che tuttora vige una situazione temporale ma con le amministrative dell’ autunno 2012 molte cose sul piano legislativo potrebbero mutare poiché non sarà concesso lo statuto speciale e avranno diritto a votare soltanto gl’ effettivi residenti.

Tuttavia l’ annullamento dei valori, le metamorfosi politiche, la perdita dell’ identità culturale, la mancanza di opportunità lavorative e la scarsa volontà di ottemperare collaborazioni tra serbi e bosniaci hanno portato la piccola città alla decadenza.

Ovunque è tangibile un senso di vuoto e di afflizione. Volti diffidenti che celano un fondo oscuro mentre le nuove generazioni quando possono si trasferiscono altrove. Attualmente a Srebrenica vivono circa novemila persone che con il deserto dentro l’ anima restano attaccati alla loro terra e al passato.

Lo sterminio del 1995 è un capitolo così riprovevole che l’ Uomo ha saputo creare con l’ odio e l’ ostilità, armandosi di pesante artiglieria, granate e bombe, fino a mettere in atto una pulizia etnica con lo scopo di sopprimere qualsiasi avversario. Un annientamento che ha una lampante similarità con la pazzia del nazionalsocialismo.

Nonostante ciò in Serbia ancora adesso ci sono rigurgiti di negazionismo dovuti all’ importante sostegno della popolazione verso i partiti più radicali che nell’ elezioni politiche del 2007 ha visto registrare un consenso di quasi un terzo degli elettori.

La strada della riconciliazione è ancora lunga e il Parlamento di Belgrado soltanto quindici anni dopo la fine dei combattimenti ha chiesto ufficialmente scusa alle famiglie delle vittime, qualificando Srebrenica come un “ crimine di guerra “ e non come genocidio, rivendicando però che esistono anche dei delitti subiti dal popolo serbo. La dichiarazione è stata raggiunta dopo quasi tredici ore di acceso dibattito e risolta con una risicata approvazione grazie al voto dei democratici e socialisti.

Dopo quattro anni di lotta armata che coinvolse buona parte dei Balcani occidentali e causò quasi centomila morti con seicentomila profughi, gli episodi di Srebrenica furono decisivi per la svolta finale della guerra. La Storia è nota ma presenta ancora delle zone d’ ombra ed è per questo che ci deve essere di grande insegnamento senza scordare i diversi doveri dei paesi, il supporto spirituale della Chiesa ortodossa serba improntato al revanscismo e del ruolo che l’ Onu ebbe in tutta la vicenda.

I caschi blu delle compagnie Dutchbat guidati dal colonnello Thom Karremans assistettero impotenti e non intervennerro. Circostanze poco chiare avvennero in quei giorni fino al punto che la fanteria arrivò a stabilire rapporti molto amichevoli con i paramilitari serbi agli ordini di Ratko Mladic, un generale lucido e spietato che era diventato il braccio destro di Radovan Karadzic. Una festa a base di birra, allegria e scambio di regali prima di abbandonare la base al suo destino e che cominciasse il mattatoio. Tuttora restano gl’ interrogativi del perchè i soldati Onu furono lasciati senza un adeguata copertura aerea sebbene ci fossero stati diversi contatti con il comando operativo di Tuzla.

All’ inizio di luglio del 2011 la sentenza di un Tribunale della Corte di Appello di Amsterdam e che ha ribaltato la precedente del 2008, ha condannato lo stato olandese a risarcire alcuni mussulmani senza però specificarne un preciso indennizzo. Un verdetto sicuramente esemplare e per certi versi “ storico e coraggioso “, il quale ha reiterato la corresponsabilità di quella che doveva essere una missione a protezione dell’ enclave e sancisce la fine dell’ immunità, del garantismo e i privilegi che da sempre hanno avuto i Peacekeeper.

Se verrà confermata in via definitiva nel terzo grado di giudizio potrebbe aprirsi la prospettiva di intentare altre vertenze civili ma molte sono le perplessità che tuttociò possa succedere. E’ comunque una decisione utile a comprendere che nelle guerre sotto l’ egida di un organizzazione che dovrebbe cercare di mantenere la pace con la naturale equanimità, invece si nascondono interessi, finzioni, egoismi e tanto cinismo.

Dopo la fine del processo ancora una volta una volta si è riproposto il dibattito sull’ utilità e l’ efficenza delle Nazioni Unite nelle direttive e nei compiti che svolge. Per antinomia è una struttura che utilizza organici militari di altre nazioni e talora durante le operazioni è in disaccordo con i centri di potere politici.

Dignità ed esternazioni misericordiose squarciano il cielo durante la Salatul Janazah, la preghiera collettiva prima della sepoltura e che chiede la grazia dei defunti ad Allah.

Le Madri di Srebrenica non vestono in luttuoso nero ma continuano a versare copiose lacrime sulle verdi bare dei congiunti. Il verde è il colore della speranza, della giovinezza, della Natura mentre per l’ Islam è il Paradiso nell’ ultimo viaggio e che consentirà allo spirito di evolversi.

Trentamila, forse quarantamila persone sono arrivate fin qui da ogni parte del mondo per non dimenticare e per continuare a volere giustizia e verità. Tante bandiere e una marcia della Pace che è partita due giorni prima dal villaggio di Nezuk ed ha ripercorso i luoghi della strage.

Sotto un torrido sole che sfiora i quaranta gradi non mancano gli svenimenti degl’ anziani intanto che fin dalle prime luci dell’ alba un’ imponente schieramento di poliziotti ha vigilato sulla sicurezza.

Il rumore di un interminabile fila di automobili ha infranto la quiete e i silenzi di questa rigogliosa valle, nella quale niente sarà più come prima.

Buon compleanno Mille Miglia.

18 Maggio 2017 Commenti chiusi

Oggi parte la Mille Miglia che compie la bellezza di 90 anni ma come ci ricorda il Corriere della Sera non è più il quadro dipinto dall’ indimenticabile Lucio Dalla.

Qui c’è la Storia dell’Auto italiana e non solo: il Mito di Enzo Ferrari, lo straordinario coraggio di Nuvolari o di Ascari, le annose rivalità tra l’ Alfa Romeo, la Fiat, la Maserati e la Mercedes, pezzi di un Paese che sopravvive solamente nelle memorie dei nostri padri e che evocarono gesta irripetibili e sicuramente più genuine.

Adesso nel mondo dell’ Automobile e delle corse impera il protagonismo dettato dalla tecnologia miliardaria, dalla potenza economica dei petroldollari da regole talvolta discutibil pur di fare business in cui i duellanti vanno a oltre 300 chilometri orari in circuiti chiusi dove i media la fanno da padrone con ore di diretta e si chiamano Vettel, Alonso, Hamilton………….

________________

RIFERIMENTI:    http://gianlucafiesoli.blog.tiscali.it/2009/05/18/mille_miglia_2009__passano_gl__anni_ma_il_fascino_non_tramonta_mai_______1988519-shtml/

 

Fotografia: Mille Miglia 2009, passaggio agl’ Uffizi. GianlucaFiesoli

Spear phishing: truffa, non un passatempo.

14 Maggio 2017 Commenti chiusi

Un interessante articolo di Norton Symantec sui nuovi crimini informatici.  

https://it.norton.com/spear-phishing-scam-not-sport/article – Diritti riservati.

_______________________________

La svolta più recente nel phishing è lo spear phishing. Non si tratta di un passatempo o di uno scherzo, ma di una truffa vera e propria nella quale tu sei il bersaglio. Lo spear phishing è un’e-mail che sembra provenire da una persona o un’azienda che conosci. In realtà proviene dagli stessi hacker criminali che vogliono i dati della tua carta di credito e del tuo conto corrente bancario, le password e le informazioni finanziarie presenti sul tuo PC. In questo articolo viene spiegato come proteggersi da questi pericoli.

E-mail da un “amico”

Lo spear  phisher basa le sue azioni sulla familiarità delle persone con molti aspetti della vita quotidiana. Egli conosce il tuo nome, l’indirizzo di e-mail e certamente qualche altra informazione. È probabile che i saluti nel messaggio che ti invia siano personalizzati: “Ciao Mario” invece di “Gentile Sig.”. L’e-mail può fare riferimento a un “comune amico”. Oppure a un recente acquisto online che hai fatto. Poiché le e-mail sembrano provenire da qualcuno che conosci, è plausibile che tu sia meno sospettoso e fornisca le informazioni che ti vengono chieste. Se poi è un’azienda che conosci che ti chiede di agire con urgenza, potresti essere tentato di obbedire senza riflettere.

Uso della tua presenza Web contro te stesso

Come si diventa il bersaglio di un spear phisher? Dalle informazioni che inserisci in Internet dal tuo PC o dal tuo smartphone. Ad esempio, costoro possono passare in rassegna i siti di social network, trovare la tua pagina, il tuo indirizzo di e-mail, l’elenco degli amici e un post recente in cui parli della tua nuova fotocamera che hai acquistato su un sito online. Utilizzando queste informazioni, uno spear phisher potrebbe spacciarsi per un amico, inviarti un’e-mail e chiederti la password per accedere alla pagina delle tue foto. Se rispondi con la password, il malintenzionato la proverà con tutte le variazioni possibili per cercare di accedere al tuo account sul sito di acquisti online che hai citato. Se riesce a scoprirla, la utilizzerà per addebitarti qualche acquisto poco simpatico. In alternativa, lo spear phisher può utilizzare le stesse informazioni per impersonare un addetto del rivenditore online e chiederti di reimpostare la password o di verificare il numero della tua carta di credito. Se rispondi alle sue richieste, il danno finanziario è fatto.

Tieni segrete le tue informazioni segrete

La sicurezza delle informazioni personali dipende in parte dalla tua capacità di essere prudente. Presta attenzione al tuo profilo online. Quante informazioni esistono su di te in circolazione che potrebbero essere sfruttate per indurti in inganno? Il tuo nome? L’indirizzo e-mail? Nomi degli amici? I loro indirizzi di e-mail? Sei presente, ad esempio, su quale popolare sito di social network? Dai un’occhiata ai tuoi post. C’è qualcosa che sarebbe meglio non venisse a conoscenza di un truffatore? Oppure, hai pubblicato qualcosa sulla pagina di un amico che potrebbe rivelare troppe informazioni?

Password efficaci

Pensa alle tue password. Ne utilizzi solo una o più variazioni della stessa facili da indovinare? Entrambi i casi non vanno bene perché rischi di rendere più facile a un truffatore l’accesso alle tue informazioni finanziarie. Ogni password per ogni sito che visiti deve essere diversa, molto diversa. La soluzione migliore è una combinazione casuale di lettere e numeri. Cambiale spesso. Il tuo software per la protezione in Internet e il sistema operativo possono aiutarti a tenere traccia delle tue password.

Patch, aggiornamenti e software per la sicurezza

Quando i produttori di software ti avvisano di aggiornare il tuo prodotto, fallo. La maggior parte degli aggiornamenti del sistema operativo e del browser comprendono patch della sicurezza. Il tuo nome e l’indirizzo di e-mail possono essere sufficienti per consentire a un hacker di introdursi attraverso un punto debole della sicurezza presente nel tuo sistema. Quasi superfluo aggiungere che devi essere protetto da software per la sicurezza in Internet e che questo deve essere sempre aggiornato.

Sii prudente

Se un “amico” ti invia e-mail e chiede una password o altre informazioni, telefonagli o rispondigli con un’e-mail separata per verificare che sia effettivamente lui che ti ha contattato. Lo stesso vale per banche e aziende. Prima di tutto, le aziende legittime non invieranno e-mail per chiedere password o numeri di conto. Se ritieni che l’e-mail possa essere autentica, contatta la banca o l’azienda e chiedi chiarimenti. Oppure visita il sito Web ufficiale. La maggior parte delle banche prevede un indirizzo di e-mail al quale puoi inoltrare e-mail sospette da verificare.

E ricorda sempre: non rivelare troppe informazioni personali online perché non puoi mai sapere chi potrebbe usarle contro di te. O come.

_________________________

Auguri di Buona Pasqua.

12 Aprile 2017 Commenti chiusi

Con l’ avvicinarsi delle festività s’ inviano i migliori auguri di Buona Pasqua 2017 a Voi e famiglie.

Happy Easter 2017 to you and family.

Disegno: Uovo pasquale – Gianluca Fiesoli 2017.

_____________________

Quella fotografia in alta risoluzione alla Cultura e i suoi esponenti…

31 Marzo 2017 Commenti chiusi

Ogni momento va celebrato, ogni cosa deve essere ricordata.

Il senso della fotografia, oltre l’ esegi, l’ attimo fuggente,  la provocazione in alcuni casi e la divulgazione ossessiva sul web, nelle strade, sui giornali e quantaltro…….. è anche questo.

Come dire. In un Mondo di comunicazione, senza l’ immagine non possiamo andare avanti. Mai.

Ma la fotografia è anche Storia, Arte e valori.

Ed è per ciò che l’ amiamo nel profondo dell’ anima.

Una delle molte essenze dell’ Umanità.

_________________

Firenze, 30 marzo 2017

Con un “banco ottico”, apparecchiatura fotografica ottocentesca, lo staff Alinari ha realizzato, nella Sala della Musica di Palazzo Pitti, una fotografia celebrativa del primo G7 della Cultura inaugurato oggi a Firenze, a cui hanno preso parte, oltre al Ministro Franceschini, i suoi colleghi di Canada, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna e Stati Uniti, nonché il commissario europeo per la cultura ed il segretario generale dell’Unesco.

La fotografia verrà sviluppata e stampata in analogico secondo le tecniche artigianali dell’800, garantendo la massima qualità ed il prestigio propri di Alinari.

Una copia della fotografia, consegnata a tutti i partecipanti, entrerà anche negli Archivi Alinari che, con un patrimonio di oltre 5 milioni di fotografie, conservano e valorizzano la memoria del nostro Paese e del mondo intero e, da oltre 150 anni, producono e tramandano al futuro comunicazione per immagini.

La “Cultura come strumento di dialogo tra i popoli”: medium privilegiato, che non conosce barriere o limiti, la fotografia racconta da quasi 180 anni la storia, i popoli, l’arte, la cultura, il paesaggio, il lavoro. La società Alinari è protagonista di questo racconto dalla metà dell’800.

Credit fotografico: Archivi Alinari, Firenze Ufficio stampa: Susanna de Mottoni

www.alinari.it

___________________


 

Censure di Facebook.

15 Marzo 2017 Commenti chiusi

 

Un interessante articolo del fotografo, pubblicitario, designer, Marco Maraviglia.        http://www.photopolisnapoli.org/

http://iviaggidiziomarco.blogspot.it/2017/03/la-tortura-20-ai-tempi-della-censura-di.html

 

       Risultati immagini per facebook

LA TORTURA 2.0 AI TEMPI DELLA CENSURA DI FACEBOOK

Per 24 ore eravate nel mio mondo ma io ero senza diritto di parola.
Credo che sia l’ultima trovata di Facebook: ti blocca ma puoi scrollare la bacheca, puoi leggere tutto di tutti, puoi entrare a dare un’occhiata nei gruppi e sulle pagine… ma ti si impedisce di scrivere commenti. Non puoi nemmeno cliccare un like.
Costretto a restare muto. Come in certi coma di cui si racconta che il paziente è totalmente cosciente di ciò che gli accade intorno ma non ha capacità reattive se non una lacrima che gli scende sul volto.
Come una nuova tortura virtuale. La tortura 2.0.
Il motivo della punizione? Una roba che credevo fosse finita lì: mi era stata rimossa una foto fatta alla mostra di Helmut Newton ma a distanza di qualche giorno mi sono ritrovato anche sbattuto fuori. In castigo. Nuovo accesso, nuova password, nuovo codice di sicurezza e poi la schermata di foto (mie) di cui dovevo spuntare quelle che non rispettavano gli standard della piattaforma. “Tutte caste, niente tette, niente violenza”, mi dico e quindi non spunto nulla e vado avanti.
Ma ecco la sorpresa appena rientro su Facebook… non posso scrivere il mio status del giorno. Come se qualcuno mi impedisse di scrivere sul mio diario personale che tengo nel cassetto della scrivania.
Non posso commentare i post degli amici. Non posso cliccare nemmeno un like.
Non ho più diritto di parola. Per 24 ore, mi dice Facebook.
E chi le decide le 24 ore?
Ma chi sei tu che mi impedisci di esprimermi?

Ma il problema non è solo questo.

Non posso rispondere ai commenti sui miei post e per chi non sa del castigo impostomi immagino che potrebbe pensare che sia un codardo o uno scostumato che si è dileguato. Nelle migliori delle ipotesi.
Per chi gestisce il proprio brand anche sui social è un danno non da poco apparire come uno che pianta in asso decine, centinaia, migliaia di followers.
Stranamente Messenger funziona e quindi qualcosa in privato l’ho potuto comunicare.

Cosa inquietante è la censura preventiva di Facebook.
Se un utente posta in un tuo gruppo qualcosa che Facebook individua subito come “fuori regole”, ti arriva in tempo reale una notifica: “segnalazione automatica”.
Come possa farlo è spiegato qui:     https://www.thesun.co.uk/news/2315358/facebook-using-artificial-intelligence-to-censor-nudity-violence-and-other-naughty-content/

Ma il problema non è solo questo.
Io se voglio chiacchierare con qualcuno, sono uno di quei fortunati che in piena autonomia può uscire di casa per incontrare qualche amico.
Immaginate invece se fossi stato un paraplegico, un disabile o un anziano costretto ad avere come unico contatto col mondo esterno questo Facebook.
“Eh”, mi direste, “la prossima volta non posti una foto di tette e culi”. Non è una risposta giusta perché anche se pubblico la Venere Callipigia o il Nettuno di Piazza Maggiore a Bologna potrei incappare nella censura senza saperlo.
Ma c’è dell’altro… Facebook ti avvisa che se continui a postare foto contro i suoi standard, ti blocca poi in maniera permanente. Ma non ti offre uno strumento per testare preventivamente una foto prima di postarla.
Quindi devi stare veramente attento se sei un appassionato di arte perché c’è il rischio di essere censurato caricando un nudo di Canova o una foto di Robert Mapplethorpe.
E se lo fai ancora e poi ancora, sei bannato definitivamente; hai la fucilazione digitale, diventi un cadavere virtuale.  Ma Facebook non ti dice quante possibilità di “sopravvivere” hai ancora, non ti dice quante volte hai sbagliato e quante altre te ne restano. C’è probabilmente chi decide sommariamente di uccidere senza giusto processo. Fascismo 2.0.
Ma io non voglio stare attento a queste cazzate. A 53 anni credo di saper bene a cosa veramente bisognerebbe stare attenti e certe costrizioni me le fanno girare.
Ecco, volevo soltanto dirvi che Facebook sta culturalmente ammalando una parte della nostra civiltà.
Impedire di divulgare l’arte attraverso immagini di Helmut Newton o i nudi di Corbet, Manet, Goya o le sculture greche lasciando aperti gruppi e pagine che istigano al nazismo, non fa bene.
No, non fa assolutamente bene.

 

 

 

Auguri di Buon Natale e un Felice 2017 a tutti voi…..

14 Dicembre 2016 Commenti chiusi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I migliori auguri di Buon Natale e un Felice 2017 a tutti Voi e famiglie.

Merry Christmas and happy new year 2017 to you.
________________________________